I dispositivi IoT non proteggono adeguatamente i dati personali

I dispositivi IoT (Internet of Things) stanno lentamente entrando nelle nostre case, che si tratti di termostati intelligenti o smart TV, sistemi di sicurezza o elettromedicali. C’è poca chiarezza sui dati raccolti dai dispositivi e sui metodi utilizzati per proteggerli, soprattutto i dati sensibili raccolti da fitness tracker e simili.

iot secutiry privacyLe criticità più gravi sono legate alla scarsa trasparenza sulle policy adottate per trattare i dati raccolti dai dispositivi IoT. Nella maggior parte dei casi gli utenti non possono sapere quali dati vengono memorizzati, non possono richiedere la cancellazione dei propri dati né possono sapere come vengono utilizzati i dati raccolti.

Preoccupa molto la situazione dei dati raccolti dai dispositivi medici, come i semplici fitness tracker, i cui dati vengono trasmessi in chiaro nella maggior parte dei casi mettendo seriamente a rischio la privacy dei cittadini. Le società coinvolte riconoscono le proprie responsabilità e assicurano che stanno lavorando affinché i requisiti di legge vengano rispettati.

Ancora una volta dunque torna di attualità il tema del trattamento dei dati, troppo spesso sottovalutato sia dai produttori che dai cittadini, a volte inconsapevoli della situazione.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.