Fidel Castro Ruz – “Lider Maximo”

fidel

Fidel ci ha lasciato

Indipendentemente da come la si pensa è stato una figura che ha segnato il secolo scorso. Ecco come scoprirne i tratti e il pensiero e farsi una idea su chi fosse e come ha inciso nella nostra storia.

“Hasta la victoria sempre”: con un messaggio in tv Raul ha annunciato al mondo che Cuba ha perso il suo Lider Maximo. Fidel Castro Ruz, il comandate in capo della rivoluzione cubana è morto, alle 22.29 del 25 novembre 2016. Leader della rivoluzione comunista, ha vissuto tutta la sua vita alla guida di Cuba, dall'assalto alla caserma Moncada alla rivoluzione cubana, dal trionfo con Che Guevara alla dittatura e alla politica estera con l'embargo e gli scontri con gli Usa, dalla campagna di alfabetizzazione al miglioramento della sanità pubblica. Noto come Lider Maximo, la sua vita e la storia di Cuba sono state intrecciate per oltre 60 anni. E lo erano ancora, nonostante dal 2008 avesse consegnato tutti i poteri a suo fratello Raul.

I libri per ricordarlo

Tre libri per tre momenti, per conoscere la figura del Lider Maximo da punti di vista originali. Un libro per gli anni Cinquanta, per capire la personalità di Fidel Castro, “La storia mi assolverà” firmato da lui: si tratta del discorso che ha pronunciato di fronte al tribunale che lo processava per l'assalto al Quartiere Moncada del 1953. Un libro per ricordare un momento che ha segnato un cambiamento: “Uno sguardo su Cuba. L'inizio del Dialogo”, scritto da Jorge Mario Bergoglio, oggi Papa Francesco, per capire le premesse del dialogo tra Giovanni Paolo II e Fidel Castro del 1998. Un libro per pensare al futuro di Cuba: “Cuba senza Castro. Il dopo Fidel è già cominciato” di Giorgio Ferrari, un'inchiesta per capire cosa accadrà nell'isola caraibica ora.

I documentari e i film per conoscerlo

Film e documentari su Fidel Castro, sulla Cuba del Lider Maximo, sulla vita nella Cuba di Fidel Castro sono tanti e sicuramente in questi giorni in tv saranno proposti da tutte le emittenti televisive. Eccone tre che meritano un'attenzione particolare: “638 metodi per uccidere Castro”, il documentario che rivela come la CIA abbia provato qualsiasi piano per uccidere Castro senza riuscirci mai,  “Comandante”, un film di Oliver Stone che regala un ritratto intimo di Fidel Castro, e “La sottile linea della verità”, un film del 2007 diretto da Angelo Rizzo ambientato a L'Avana nel 1997 e in cui Fidel Castro recita nei panni di se stesso.

L'addio in rete, anche con gli hashtag

Dopo l'annuncio della morte del lider max notizia è arrivata sul Web. Non c'è giornale online che non abbia la notizia della morte di Fidel Castro e nonostante le limitazioni nell'accesso alla rete, sui social network passa anche dagli hashtag: #cubalibre contro #hastalavictoria, #hastasiemprecomandante, #honorygloriafidel.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.